Tags | invecchiamento

WORKING LONGER, LAVORARE PIU’ A LUNGO


FotoIl rapporto 2013 dell’ILC International Longevity Center

In questo stringato e schematico rapporto l’ILC elenca, in modo quasi asettico, una serie di temi, apparentemente, pacifici. Si tratta, al contrario, di temi che modificheranno e, per altro, stanno già modificando drasticamente la nostra concezione della relazione che intercorre tra tempo di vita e tempo di lavoro, dell’ordine gerarchico valoriale che sussiste  tra tempo sociale e lavorativo e tempo  privato. Il prolungamento della vita lavorativa nell’età dell’anzianità, una piena e prolungata partecipazione delle donne al mondo del lavoro,  il superamento delle logiche ingannevoli della contrapposizione generazionale, l’accettazione della diversità, l’immigrazione come opportunità, il superamento dei limiti massimi dell’età lavorativa fissati per legge, sono tutti argomenti che contrastano fortemente con la nostra attuale visione del percorso di vita soggettiva e sociale, ancor di più se la inquadriamo nelle società mediterranee. Leggi il seguito

Pubblicato in Blog - Commenti (0)

I 75 (anni) saranno i nuovi 65?


https://www.province.namur.be/photos/page/20140514_101535ville_amie_des_aines.jpg La sfida dell’invecchiamento della forza lavoro: il punto di vista delle imprese

“The Economist Intelligent Unit” ha realizzato uno studio sui cambiamenti che le aziende dovranno intraprendere per adattarsi all’invecchiamento della popolazione lavorativa. L’analisi è basata su un sondaggio svolto a ottobre-novembre 2013 su alti dirigenti di 480 imprese europee; sono inoltre state effettuate interviste in profondità con 7 esperti e dirigenti di aziende quali Bayer, Philips, BMW, McDonald’s.

Lo studio è disponibile su http://www.economistinsights.com/analysis/75-new-65 e qui si riportano le questioni salienti.

Come cambia il contesto

Dagli inizi degli anni ’70, la quota di popolazione europea in età lavorativa (20-64 anni) è cresciuta ogni anno. Il tasso di crescita è però gradualmente rallentato fino al 2012, quando ha invertito la tendenza e ha iniziato a decrescere, un trend che secondo la Commissione Europea continuerà per 40 anni.

Questo fenomeno ha profonde implicazioni per governi, cittadini e aziende. Non solo cambierà il concetto di pensionamento come lo intendiamo oggi, ma a fronte di una popolazione lavorativa quantitativamente in riduzione e sempre meno giovane, le aziende dovranno trovare il modo di trattenere i propri lavoratori più anziani e trarre il massimo dei benefici dalle loro competenze, conoscenze ed esperienza. Leggi il seguito

Pubblicato in Blog - Commenti (1)

Demografia e interpretazioni


Pubblicato da Daniela Regnicoli

Corriere della Sera, lunedì 10 giugno 2013, intervista con Roberto D’Alimonte, politologo, sull’argomento del crollo dell’affluenza alle ultime elezioni amministrative:

“….Di certo c’è la debolezza dei partiti che oggi non riescono più ad avere la forza per portare gente alle urne. Ma anche la debolezza dell’ideologia. C’è poi un altro fattore strutturale importante da considerare: l’invecchiamento della popolazione… e le persone anziane spesso si recano malvolentieri a votare …”

Quella demografica – ce ne stiamo rendendo conto – è una vista con caratteristiche particolari.

Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti (1)

Che differenza c’è tra longevità e invecchiamento?


Pubblicato da Stefano Ferrata

Che differenza c’è tra longevità e invecchiamento?

Questa domanda sparata a bruciapelo ad una collega, per di più giovane, ha causato più di un attimo di smarrimento, risolto con il sempre elegante “ma in definitiva chi se ne frega”.

Mettiamo che invece a noi filodemografi possa interessarci. Lo abbiamo già affrontato svariate volte il tema dell’invecchiamento della nostra società mettendone in evidenza non solo le problematiche ma anche le opportunità (sulle quali chissà perché noi anta avanzati stiamo sempre più concentrandoci).

Ecco forse questa è una chiave di lettura semplice ma che può aiutare nella distinzione dei due termini.

Ci aiuta un capitolo del  libro di Rosina “ L’Italia che non cresce. Gli alibi di un paese immobile”.

Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti disabilitati su Che differenza c’è tra longevità e invecchiamento?

Come farsi belli in società con i post del Demografico


Pubblicato da Daniela Regnicoli

Il mio primo post di questo rinnovato Demografico prende spunto da una recentissima (e molto istruttiva) esperienza.

Qualche giorno fa trovandomi con la Presidente della società Italiana di Ergonomia, Professoressa Francesca Toso, e le colleghe e i colleghi della Commissione Salute e Sicurezza a parlare, ça va sans dir, di ergonomia ho citato il post di Elena Ghini, “Promuovere l’invecchiamento attivo” e quello di Alessandro Toti, “Popolazione e soci di Unicoop Firenze per classi di età” (scritto nella prima edizione del Demografico è collocato nell’Archivio) per evidenziare come la concreta necessità della progettazione di ambienti di lavoro e di vendita ergonomici sia in collegamento con l’invecchiamento delle nostre specifiche popolazioni di lavoratori e consumatori.

Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti disabilitati su Come farsi belli in società con i post del Demografico