Tags | innovazione

Stili alimentari e innovazione


Stili alimentari e Innovazione: le opportunità per Coop – Leggi il programma dettagliato qui

10 maggio 2018, Auditorium Scuola Coop

9:30/17:00

Le persone sono sempre più informate e ricercano per il proprio carrello non solo nuovi prodotti ma anche nuovi valori:
la sana alimentazione, l’etica, il benessere, la salute, la cura dell’ambiente sono alla base di stili di vita riconoscibili.
Per questo abbiamo pensato a una giornata sugli stili alimentari, affrontati e letti da diversi punti di vista, con professionalità e competenze diverse.

Saranno con noi:

Annamaria Armano – Direzione Clienti Retail, Responsabile Sita Ricerca

Nicola De Carne – Direzione Clienti Retail, The Nielsen Company

Maria Sisci – Trends and Innovation Analyst, Mintel

Alessandro Rizzi –  Consulente, Hermes Consulting

Francesco Cecere – Direttore Marketing e Comunicazione, Coop Italia

Emanuela Deluigi – Responsabile Marketing, Coop Italia

Roberto Nanni – Responsabile Strategia Prodotti Coop, Coop Italia

Pubblicato in Succede a Scuola Coop - Commenti (0)

L’alimentazione nel 2030


Pubblicato da Stefano Ferrata

I lavori del Barilla center for food & nutrition sono in genere interessanti.

Non fa eccezione, anzi, il paper sugli scenari possibili dell’alimentazione futura.

Capita spesso che si utilizzi la proiezione verso il futuro per ingigantire alcune delle tendenze che già si leggono oggi.

Ovviamente rimandiamo al documento  per gli approfondimenti che ciascuno vorrà fare, ma ci interessa segnalare come la chiave di lettura del mondo attuale fornita dall’alimentazione sia assolutamente sintonica alla complessità delle relazioni, sociali ed economiche che caratterizzano questo scorcio storico.

Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti disabilitati su L’alimentazione nel 2030

Le idee ‘troppo nuove’ non lo sono per sempre


Pubblicato da Francesco Varanini

Dopo le giornate di fine settembre passate insieme, non so come proceda il lavoro. Ma vi propongo una riflessione.

In un qualsiasi giorno verso la fine degli ormai lontani Anni Ottanta lavoravo come manager.  Coordinavo un gruppo di lavoro composto da manager e tecnici Si trattava di immaginare nuovi prodotti e servizi. Alla fine, andammo dal Direttore Generale a presentare il frutto del nostro lavoro. Ascoltata la presentazione, dopo attimi di pesante silenzio, lui commentò: “Ma siete sicuri che una cosa del genere non l’hanno già fatta negli Stati Uniti?”. “No, lì non c’è nessun periodico simile a quello di cui parliamo”. “E neanche in Gran Bretagna, o in Germania, o almeno in Francia?”. “No, no”. “Ma allora scusate” -affermò tagliente, ma anche veramente sorpreso, il Direttore Generale- “come potete pensare che ci si possa riuscire noi?”.

Sarebbe una storia irrilevante, se non fosse che venticinque anni dopo quel manager è ancora al vertice di una importante azienda. Sarebbe una storia irrilevante, sopratutto, se non fosse che quel settore imprenditoriale, nel nostro paese, sta morendo per mancanza di innovazione. Questa esperienza mi è rimasta sempre impressa. Anche perché successivamente mi è capitato di lavorare, nello stesso settore, ad iniziative di successo, fondate su idee che -appunto- all’inizio parevano irrealizzabili. A ben guardare, qualsiasi nuovo concetto di prodotto o servizio pare all’inizio difficilmente realizzabile. Altrimenti non sarebbe nuovo! E’ solo con il senno di poi, a cose fatte, che si scopre come lì esistesse uno spazio di mercato, una aspettativa dei clienti – e come quella cosa non fosse poi così strana, così difficile da fare. Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti (1)

Cirisiamo!!


Ciao amici vicini e lontani,

passate più o meno per tutti le forche caudine delle ferie, siamo finalmente e gioiosamente tutti al nostro posto di lavoro e siccome le belle notizie sono come le ciliegie, fra poco ci rivediamo anche (scoprire in queste tre righe le affermazioni vere). Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti disabilitati su Cirisiamo!!

Il Bene Comune e la creatività


Pubblicato da Alessandra Gasperini, Scuola Coop

Chi di voi come me ha gioito e sofferto nel vedere domenica sera a Report, il bel programma di Rai 3 condotto da Milena Gabanelli, tutte le pratiche che in Europa e negli Stati Uniti stanno nascendo dalla creatività della gente comune, degli imprenditori visionari, e dei buoni amministratori pubblici, finalizzate a dimostrare che la finanza – una certa finanza, desiderabile e sostenibile – può servire il Bene Comune?
Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Domino - Commenti (2)

Alle radici dell’innovazione


Il corso si svilupperà a partire dalla storia artistica del Rinascimento
fiorentino, periodo in cui molte famiglie, tra cui quella de’ Medici
spicca per importanza, offrirono a personaggi del calibro di Leonardo
da Vinci, Michelangelo e molti altri, la possibilità di esprimere e sviluppare
il loro genio creativo.
I Medici credettero in loro incoraggiandoli e sostenendoli moralmente
ed economicamente. Assumendosi la responsabilità della buona
riuscita delle loro opere, fecero si che la vita e il lavoro di questi artisti
diventassero parte integrante della cultura del tempo.
Lo scopo è quello di lavorare sui temi legati alla propria responsabilità
e all’assunzione del rischio, ma anche sulla fiducia, la delega e l’accettazione
dell’errore.
Altra tematica importante è l’integrazione nel team per favorire la
creatività. I Medici riuscirono a creare i presupposti e i contesti adeguati
affinché personaggi molto “egocentrici” potessero raggiungere
risultati di eccellenza.
Nel corso approfondiremo:
• lo sviluppo del pensiero creativo
• la capacità di vivere nell’incertezza e fuori da schemi rigidi
• l’utilizzo del pensiero creativo/innovativo per imparare a stimolare
i propri collaboratori
• lo sviluppo delle abilità per riuscire a trasmettere alle persone fiducia
e aiuto quando portano avanti l’innovazione
• l’integrazione nel team per lo sviluppo e l’implementazione dell’innovazione.
Destinatari
Tutte le funzioni aziendali
Durata
2 giorni
Docenza
Alessandro Rizzi

Pubblicato in Corsi Lavorare in...... Per sé .... ma non solo - Commenti (0)

Linguine al tonno, con gioia


 

 

 

 

 

Se continua così i posti il prossimo anno li dovremo assegnare numerati.
Alla presentazione dei project work del Master Domino, alcuni giorni fa, c’erano oltre ai partecipanti, una quindicina di colleghi delle Cooperative, e il clima anche quest’anno era speciale. Non è semplice descriverlo in breve, anche perchè quello sui progetti è un lavoro che nasce da lontano. Maura Latini, che quest’anno era la “committente” dei lavori di gruppo, ha definito il clima della giornata di chiusura  gioioso, e per altro di una gioia contagiosa. Si respirava qualcosa di prezioso che probabilmente ha senso cercare di replicare, anche in altro genere di riunioni. La gioia è differente dalla spensieratezza; si può lavorare con gioia anche quando i problemi – come accade oggi per il nostro Paese oltre che per le nostre Cooperative – sono tanti e complessi.
Leggi il seguito

Pubblicato in Corsi - Commenti (0)

Barchette in Arno


Ci hanno scritto sopra cosa ha impedito loro di innovare, di trasgredire, di cambiare l’impostazione di un lavoro pur ritenendolo da un certo punto inadeguato agli obiettivi dell’organizzazione e ai bisogni delle persone. Talvolta intuiamo di dover cambiare i nostri paradigmi di riferimento o che qualcosa dall’esterno sta intaccando le nostre certezze ma il passo successivo non è banale, ed è legittimo – di più, umano – far finta di non sentire, e andare avanti.

Accedi per continuare a leggere il post

Pubblicato in Blog - Commenti (1)