Categorie | Corsi, Gruppi di studio

L’economia cooperativa è civile?

Conosciamo il Professor Luigino Bruni da tre anni.
Sono stati tre anni densi, al di là della frequenza degli incontri.
Densi perché seguirne il lavoro, le pubblicazioni, gli interventi pubblici
ha rappresentato per noi un piacere intellettuale e uno stimolo
operativo. Le sue idee sull’impresa civile, sul mercato, fatto innanzitutto
di relazioni, sull’idea di competizione che non necessariamente
deve avere la valenza distruttiva che l’egemonia culturale neo-liberista
ci ha indotto a immaginare, sono state per noi fonte di energia. E ci
hanno aiutato a proporre ai nostri colleghi cooperatori incontri e
seminari nei quali abbiamo potuto apprezzare l’ampiezza dello sguardo,
capace di tenere nello stesso panorama i modelli economici e la
fatica della relazione diretta tra le persone.
Non potevamo non sentire il pensiero di Bruni così vicino.
Abbiamo avuto la fortuna di incontrarlo e trovare una disponibilità e
una generosità, del tutto coerenti con le teorie formulate.
Con l’occasione dell’uscita del suo ultimo testo, dedicato per intero
alla cooperazione italiana, alle sue radici storiche, ma soprattutto alle
sfide per il futuro, lanciamo per il 2013 un gruppo di studio con il professore.
Può apparire una proposta un po’ retrò. In realtà ci siamo affezionati
all’idea di uno studio liberato dalle soggezioni cattedratiche, in cui si
senta la fatica che deriva dall’incontro/scontro di idee e convinzioni
sedimentate. Di uno studio che, senza l’assillo immediato della traduzione
operativa, si ponga nelle pieghe delle pratiche e delle nostre
realtà sociali ed economiche.
La scelta dei temi che porremo al centro della riflessione con Bruni
dovrebbe facilitare questa dimensione concreta: l’impresa economica
civile e il mercato, le cooperative, le organizzazioni e le loro relazioni
interne, le motivazioni umane nei confronti del lavoro.

This post was written by:

- who has written 746 posts on Scuola Coop Montelupo.


Contact the author

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.