“Tutti per Uno… Uno per Tutti”

Conformismo, autorità e altre storie
Viaggio inconsueto tra le persone le loro organizzazioni

 

Scuola Coop Montelupo Fiorentino
18/19 ottobre   –     8/9 novembre

Si parla molto di crisi, ma troppo spesso la si considera solo nella sua componente economica. Si tratta, invece, di una crisi più ampia che, tra le altre cose, riguarda anche la cultura, le logiche organizzative ed il modo con cui guardiamo ai nostri comportamenti e alle nostre responsabilità sociali, come individui e come organizzazioni. Le categorie logiche con cui in Coop si definivano concetti come senso di appartenenza, responsabilità, impegno professionale e sociale, sono fortemente in crisi. Sono cambiati i tempi certamente, ma anche le dimensioni delle cooperative hanno spinto verso modelli organizzativi in cui la distanza tra i vari livelli gerarchici è più ampia e i contenuti professionali dei vari ruoli meno “rotondi” e, tendenzialmente, più specialistici. Una delle componenti della crisi, dunque, riguarda anche il funzionamento della gerarchia che, ad esempio, viene spesso messa in discussione anche da tecnologie informatiche e comunicative che permettono di scavalcarla agevolmente. Senza che ci sia alcuna componente trasgressiva intenzionale, ma solo perché la tecnologia lo rende possibile. Ma al di là dell’esempio specifico è in discussione, nella nostra epoca, il rapporto con l’autorità. Lo vediamo bene anche in ambito familiare: nel rapporto tra i sessi, nel rapporto genitori figli, a scuola e in generale nella società.

Ma non è tutto. E’ in crisi anche l’idea che esista una razionalità lineare che guida e spiega tutti i nostri comportamenti. L’idea che si possano usare schemi semplici per affrontare la complessità, di cui i comportamenti umani sono un esempio.

In poche parole è una crisi anche della qualità delle relazioni e dei legami sociali. Legami che, con buona pace della visione individualistica dominante, sono costitutivi della vita e, necessariamente, della fenomenologia del “cooperare”..

Per questo Scuola Coop ha deciso di dedicare alcuni dei suoi seminari ad un tema che considera parte integrante della crisi antropologica che tutti noi stiamo vivendo. I due seminari servono ad indagare il rapporto tra i comportamenti individuali e il contesto di riferimento. A comprendere come la trama organizzativa costituita da schemi, procedure, linguaggi peculiari, possa influenzare le azioni e il vissuto delle persone talvolta indipendentemente dalle loro caratteristiche psicologiche e dalle loro profonde convinzioni. Cercando di individuare le possibili azioni di prevenzione verso fenomeni disfunzionali e i possibili cambiamenti in grado di facilitare il benessere, anche economico, delle organizzazioni.

I seminari saranno condotti dal Prof. Adriano Zamperini, Docente di Psicologia Sociale all’Università di Padova, uno dei massimi esperti italiani su questi temi, in collaborazione con docenti di Scuola Coop. Chiuderà i nostri lavori dialogando con i partecipanti il Presidente di Coop Adriatica, Adriano Turrini.

I seminari sono frequentabili separatamente in quanto ognuno di loro ha una propria specificità. Frequentarli ambedue, naturalmente, offre una maggiore panoramica. La distanza di tempo tra i due seminari sarà occasione per arricchire lo studio attraverso la pubblicazione sul sito di Scuola Coop di documenti e video, oltre alle riflessioni nostre e dei partecipanti.

Scarica il Programma

This post was written by:

- who has written 745 posts on Scuola Coop Montelupo.


Contact the author

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment.